STAGIONE TEATRALE per BAMBINI e FAMIGLIE 2013/14
al sabato sera al Teatro Govi ...storie da guardare stando vicini, grandi e piccoli insieme...

26 ottobre > OUVERTURE DES SAPONETTES - Concerto per bolle di sapone Compagnia Michele Cafaggi (Milano)
16 novembre > IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO Teatro delle apparizioni / Teatro Accettella (Roma)
14 dicembre > LUCIO L’ASINO Cada Die Teatro (Cagliari)
18 gennaio > SECONDO PINOCCHIO Compagnia Burambò (Foggia)
15 febbrai > ROSASPINA Teatro del Piccione (Genova)
22 marzo > I TRE CUCCHIAI Teatro del Piccione (Genova)

INIZIO spettacoli ORE 20.30 - INGRESSO 6 euro - direzione artistica Teatro del Piccione
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 26 ottobre 2013 ore 20.30
Compagnia Michele Cafaggi (Milano)
OUVERTURE DES SAPONETTES
Concerto per bolle e sapone

Un eccentrico direttore d’orchestra, un po’ mago misteriorso un po’ buffo e maldestro personaggio, vi porterà nel mondo fragile e rotondo delle bolle di sapone. Ouverture des saponnettes è un pazzo concerto dove l’imprevisto è sempre in agguato e dagli strumenti musicali non nascono note, ma bolle: giganti, rimbalzine, da passeggio, talmente grandi da poter contenere al loro interno persino uno spettatore!
Divertente e sorprendente, lieve e impertinente proprio come una bolla di sapone. Un’apertura di stagione che vuol essere una festa, piena di leggerezza e divertimento!
E allora ecco tornare uno spettacolo che ha incantato grandi e piccoli, già ospite al Teatro Govi quattro anni fa con grande entusiasmo del pubblico. Una magia di bolle di sapone: come tante bolle saranno gli spettacoli a seguire nel calendario, tante storie che si riempiranno di respiri per farci viaggiare dentro una bolla d’immaginazione, per poi scoppiare lasciando il ricordo di quel magico volo sospeso.
dai 4 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 16 novembre 2013 ore 20.30
Teatro delle apparizioni / Teatro Accettella (Roma)
IL TENACE SOLDATINO DI PIOMBO
un film da palcoscenico

Una stanza, molti giocattoli, una finestra che si affaccia su un esterno immaginario, la pioggia, le luci soffuse di un interno intimo e caldo, per raccontare la celebre storia del soldatino di piombo e della sua ballerina. La celebre fiaba viene reinterpretata in un gioco in cui gli oggetti prendono vita parlando, combattendo, danzando, protagonisti di un film teatrale proiettato su un grande schermo in diretta.
Il set è dunque la stanza dei giochi, il luogo in cui avviene la meraviglia. Qui il teatro si mostra nel suo farsi al servizio dell’occhio della telecamera che, come il buco della serratura di una porta invisibile, offrirà agli spettatori uno sguardo inedito e privilegiato, per entrare nella storia osservando il piccolo e l’impercettibile. Due piani di azione, due differenti visioni, due linguaggi a confronto, quello teatrale e quello cinematografico, che si sveleranno e si misureranno per unirsi e raccontare una grande storia d’amore.
dai 6 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 14 dicembre 2013 ore 20.30
Cada Die Teatro (Cagliari)
LUCIO L’ASINO

è in una notte senza luna che Lucio, un ragazzo come tanti, aspetta il gran carrozzone che dicono portare ad un luogo davvero speciale: la Fabbrica della Felicità! Attratto dalle parole suadenti di un omino tenero come il burro, confuso dal luccichio del paese dei balocchi, tentato dall’illusione di poter fare tutto e poter avere tutto: così Lucio indossa un paio di occhiali “ magici” e il gioco è fatto. Nella Fabbrica della Felicità si può essere quello che si vuole: si realizza qualsiasi sogno, si rende oggetto ogni desiderio e si regala l’illusione di una vita senza dolore, né noia, né sconfitta. Che luogo fantastico, pieno di ragazzi e ragazze...cosa volere di più?
Ma un giorno qualcosa va storto, la giostra si ferma, non funziona più niente. A guardarsi intorno si vedono solo tanti e tanti asini. Gli occhiali non servono più e Lucio è pronto per vedere la realtà con i propri occhi. E voi siete pronti?
Uno spettacolo comico, ispirato all’episodio collodiano del viaggio nel paese dei balocchi, interpretato da tre attori di grande forza, tra i quali un asino. Che sarà anche asino ma di certo non ha paura di dire la verità.
dai 6 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 18 gennaio 2014 ore 20.30
Compagnia Burambò (Foggia)
SECONDO PINOCCHIO

Ecco allora un Pinocchio di legno, pronto a mettere in scena il proprio spettacolo, a raccontare le avventure che tutti conosciamo. Lo fa insieme ai due burattinai che l’hanno creato, con cui parla e discute, che lo aiutano a muoversi sul palco e che gli fanno mille raccomandazioni, prontamente trasgredite: sembrano quasi il suo papà e la sua mamma...
Quale episodio scegliere dunque dei tanti vissuti? È andata così o il ricordo inganna? E se il burattino è un monello non solo nella storia ma anche di fronte al pubblico? Se fa dispetti ai propri burattinai come li fece al caro babbo Geppetto? E se ha troppa paura di raccontare della notte degli assassini? E, infine, se scappa, sparisce e non si trova più come si fa ad andare avanti con lo spettacolo?
Un racconto di Pinocchio molto particolare, divertente e denso di emozioni, guidato con maestria da due attori-burattinai eccezionali Con al finale la sorpresa di scoprire come accade che Pinocchio diventa un bambino in carne ed ossa. Spettacolo vincitore del Pemio nazionale Eolo Awards 2012 e del premio Festebà 2012.
Dai 4 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 15 febbraio 2014 ore 20.30
Teatro del Piccione (Genova)
ROSASPINA

Una versione dolce e visionaria della Bella Addormentata, dedicata a grandi e piccoli, insieme. Per parlare con la profondità e la leggerezza della fiaba, per ridere di piccole cose e dar voce a grandi domande, e poi sorprendere e poi lasciarsi cadere e poi dire la rabbia e la paura e tutto l’amore, e farsi minimi e poi esagerare, divertirsi questo sì, e alla fine mettere ordine, quello esatto del cuore. Così si racconta di Rosaspina che va incontro al suo destino per diventare grande, e di un re e una regina che lasciano una figlia per non lasciarla mai più.
Così, con un linguaggio teatrale molto fisico, molto comico e con la presenza di pupazzi di legno in scena, si dipana il filo della storia antica, conosciuta ai più e qui resa attraverso una lettura originale ma fedele allo stesso tempo. Per raccontare con semplicità e gioia dell’essere figli e genitori, nella vita di tutti i giorni come in quella delle fiabe. Spettacolo vincitore di numerosi festival teatrali, in Italia e all’estero.
dai 5 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

sabato 22 marzo 2014 ore 20.30
Teatro del Piccione (Genova)
I TRE CUCCHIAI

Quante storie sono nascoste nella bottega di un calzolaio? Ogni scarpa ha memoria di chi l’ha indossata. Ogni suola, ogni buco da riparare, hanno dentro il racconto di una vita: ci sono scarpe di bambini e scarpe di vecchi incartapecoriti, scarpe di giovani danze e di antichi rituali, scarpe perdute, scarpe abbandonate, scarpe ritrovate. E ancora, scarpe pesanti come macigni e scarpe leggere come piume, consumate dalla fatica o lucidate per la festa. Insomma, un grande mucchio di scarpe. E tra queste scarpe, le loro storie.
Ecco allora un ciabattino narratore, un aiutante suonatore e loro parole cucite insieme dalla musica, che ci conducono un passo dietro l’altro, tra polvere e martelli, lacci, chiodi, suole e tomaie, alla ricerca di quelle storie. Della memoria delle scarpe.
dai 5 anni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

INFO
come raggiungere il Teatro Govi:
- in auto, vicino all'uscita autostradale di Ge-Bolzaneto (con zona di facile parcheggio gratuito in lungofiume)
- in treno, a pochi passi dalla stazione di Ge-Bolzaneto
- in autobus, linee 7,8,9 o in metro + bus

prevendita: gratuita presso biglietteria Teatro Govi, via Pastorino 23r, ge-bolzaneto (giov ore 10/12 – 16/18)
prenotazione: gratuita via SMS al 347.4467008: indicare titolo, nome e numero di posti (ritiro del biglietto fino a 30 minuti dall'inizio dello spettacolo)
informazioni: Teatro del Piccione 010/2724046 h10/12-15/18 - Teatro Govi 010/7404707

scarica la locandina e programma